giovedì 14 giugno 2012

Quello che resta di #mammacheblog

Barbara mi ha chiesto un post cazzaro, Patrizia dice che ormai scrivo per elenchi, io ci ho messo 3 giorni a riprendermi neanche fossi andata a un rave. Quindi ecco l'elenco cazzaro e psichedelico (naturalmente random).
- La seconda volta è anche meglio della prima. Stessa spiaggia stesso mare: la formula "ritroviamoci qui come l'altra volta" fa molto reunion, invita alla comunella e alla confidenza, dà sicurezza. La seconda volta non tremi alla vista delle stars, ti metti subito a tuo agio e te la godi molto di più. Io ho praticamente pranzato con Natalia, ma non me ne sto vantando in giro, nooooo...
- La seconda volta ti fa godere della gioia delle "primine" (fin dal viaggio di andata, con Barbara che ogni tanto mi toccava "Ma sei vera?!"), ma non ti evita in alcun modo gli urletti da pollaio quando incontro le altre galline.
- Il meteo (con lo zampino del marito) ha determinato il look: niente abitino sfizioso ma pantaloni verdi e camicia bianca e sandali neri. Ma mentre le altre blogger infilavano in borsa delle comode Birkenstock, io ci mettevo le scarpe coi tacchi, anzi LE scarpe: senza falsa modestia, le più fotografate della mia vita, e per molti, il mio segno distintivo... Maronn', ma quanto me la tiro?!

(Anna: "Dimmi almeno che ti fanno male" "Da morire")

- Ho parlato con Lucia di "Thomas Jay": poche parole, ma il fatto che sia piaciuto così tanto anche a lei mi rincuora e mi esalta, nonostante mesi di astinenza dai libri so ancora riconoscere un capolavoro.
- Ho fatto pochissime foto, tutta intenta a chiacchierare e a seguire i MomTalk. Di una sono proprio fiera: sono tre ragazze fantastiche, tutte e tre primine (la ormai-stra-citata Barbara, Giada di QuandoFuoriPiove e Camilla di Alice in Newland), bellissime. Io ho solo consigliato loro la regola della foto ben riuscita: mento in avanti... 

Vi rimando a blog molto più seri di questo l'approfondimento sui Mom Talk, che quest'anno sono stati molto approfonditi e partecipati: io ho seguito bene bene solo l'ultimo, mi sono divertita, mi ha coinvolto, mi ha lasciato molto su cui riflettere.
Il blog professionale non riesco a farlo: scrivo quando ho voglia, non sono costante, non ho tempo, e quel poco che ho lo disperdo in mille rivoli. Onore e merito a chi riesce a farne una professione e a chi semplicemente lo fa bene perché ha qualcosa da scrivere e sa farlo, ma io cerco di essere onesta con la me stessa blogger: più di così gnaaafò.

12 commenti:

  1. Oh, brava!
    la recensione di TJ esce oggi su Zebuk, voglio sapere il tuo commento :-)

    RispondiElimina
  2. E lo fai alla grande!
    Allora ti facevano male vero?!?! Non son stata l'unica a tornare coi piedi distrutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho fatto il viaggio di ritorno in treno scalza!

      Elimina
  3. Ma che belle foto!! Sembriamo colte da una paresi, ma siamo bellissime!!
    è stato un piacere conoscerti, a presto!

    RispondiElimina
  4. Ma tu sei il collante tra tutte noi (mi metto al femminile perchè il maschile mi pare fuori luogo) ;)

    RispondiElimina
  5. Sono assolutamente soddisfatta, anche se poi, il post non è per nulla cazzaro, ma un chiaro esempio di articolo di costume :)
    Quante cose io, primina, sto imparando da te! Le foto, da ora in poi, solo con il mento in fuori, le scarpe col tacco, e l'onestà di quel "gnaaafò".

    E sei anche vera ;)

    RispondiElimina
  6. Bel post e splendide scarpe, io non riuscirei a portarle nemmeno 5 minuti ;)

    RispondiElimina
  7. Grazie al 5mesenne che ho porttao con me non ho avuto scelta: scarpe da ginnastica. Se non altro ero comoda... Peccato per il mio metro (poco) abbondante! Alla prossima!

    RispondiElimina
  8. io le scarpe le ho guardate un sacco perchè bellissime, ed ora scatta la domanda? dove le hai comprate?
    e cmq continua così, perchè ti riesce benissimo fare la blogger a modo tuo!

    RispondiElimina
  9. eppure anche se sei intelligente ma non ti applichi i tuoi post ci piacciono un sacco...uno può mica sempre piangere o essere pensoso mentre legge un post, no?? LOVVO

    RispondiElimina
  10. io sono una blogger novella: non saprei se rientrare nella categoria "mommyblog" o "sedute di autocoscenza smangiucchiata". staremo a vedere!

    P.S: BELLE SCARPE!!!

    RispondiElimina
  11. Beh le scarpe erano notevoli e soprattutto eroiche.... Impossibile non notarle :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...